top of page

LORENZA SACCHETTO
Attrice, Social Manager

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
1/3

Studia alla facoltà di Lettere de La Sapienza di Roma dove ha modo di seguire studiosi quali Marotti, Jovicevic, Mariti, Ciancarelli. Nello stesso periodo frequenta il Centro Teatro Ateneo e studia con Claudio de Maglio tecniche di Commedia dell'Arte. Dopo la laurea con Tesi in storia del Teatro, si iscrive all’accademia TeatroSenzaTempo dove studia con Edy Angelillo, Mamadou Dioume, Marco Simeoli, Tommaso Bernabeo, Francesca Staasch, Pietro da Silva.
I primi ruoli significativi arrivano nell'ambito della rassegna per i 115 anni di Federico Garcia Lorca, quando interpreta Amelia in “Casa di Bernarda Alba”, Dolores in “Yerma” e La Mujer in “Nozze di sangue”, per la regia di Antonio Nobili. Seguiranno le interpretazioni in Salomè nell'adattamento fatto da Tommaso Bernabeo, di Dostoevksij in “Sotto l'ira del sole” diretto da Francesca Staasch e della psicologa Elena Martelli in “Piombo e Cocaina. La storia di Renato Vallanzasca” diretto da Pietro da Silva. Collabora da tempo con diverse compagnie: Bottega dei Comici, specializzandosi in Commedia dell’Arte; Avanzi di Scena con cui gira l'Italia e l'Europa con Italian Movie Factory, spettacolo di teatro-danza dedicato a Cinecittà, con coreografie di Laura Farina e regia di Francesco Angeloni; Compagnia Teatrale Tabù, che l’ha portata sul palco del Teatro de’ Servi e del Teatro Golden di Roma; Compagnia Hamlet per la quale ha interpretato Ismene nell' adattaento di Gina Merulla dell'Edipo a Colono di Sofocle, con protagonista Mamadou Dioume. Negli ultimi anni, alla carriera di attrice, ha affiancato anche quella di insegnante e
regista, curando l’adattamento e la messa in scena de “L’importanza di chiamarsi Ernest" insieme a Matteo Maria Dragoni.

bottom of page